Dirette con gli Autori

In Diretta con gli Autori: Nadia Verdile

Nadia Verdile per la rubrica “In Diretta con gli Autori” presenta nel gruppo Facebook Book Advisor “Michelina Di Cesare” edizioni Pacini Fazzi e risponde alle domande dei lettori. Dialoga con l’autrice Fabrizia Dalcò.

Diretta del 16 ottobre 2020.

Narrativa Plurale: scritture a confronto.

Nadia Verdile racconta la vita della brigantessa Michelina Di Cesare. Nata a Caspoli, ora in provincia di Caserta, nel 1841, conosce Francesco Guerra ex soldato borbonico, capo di una banda di briganti e ne diventa la compagna: vive in clandestinità e condivide con lui il comando della banda fino alla cattura e all'uccisione. Il ritratto straordinario di una donna, nata poverissima, diventata leggenda. Il volume è parte della collana "Italiane", Maria Pacini Fazzi editore. I'm going live using StreamYard! Before leaving a comment, please grant StreamYard permission to see your name at streamyard.com/facebook

Pubblicato da Fabrizia Dalcò su Venerdì 16 ottobre 2020

Link alla diretta nel gruppo Book Advisor qui

Sinossi del libro “Michelina Di Cesare” di Nadia Verdile

Sbandati, partigiani, criminali. Chi furono le brigantesse e i briganti che nel meridione della neonata Italia, all’indomani dell’unità o dell’annessione, misero sotto scacco un intero paese, una nuova nazione? Raccontare la loro storia vuol dire narrare la storia di popoli che furono al centro di disegni politici che di loro non tennero conto ma che di loro si servirono per creare, o stabilizzare, una nuova classe dominante. […] Per le donne fu ancora più difficile e complesso. Chi erano le brigantesse? Cosa hanno rappresentato in quel decennio di lotte le loro menti, i loro corpi, le loro armi? Michelina Di Cesare (Caspoli, 28 ottobre 1841 – Mignano Monte Lungo, 30 agosto 1868), nacque poverissima a Caspoli, oggi in provincia di Caserta. Giovane vedova, conobbe Francesco Guerra, ex soldato borbonico, disertore verso l’esercito italiano e poi capo di una banda di briganti e ne divenne la compagna; con lui visse in clandestinità e condivise il comando della banda fino alla cattura e all’uccisione.

.
Mostra di più

Redazione

Redazione della pagina web www.thebookadvisor.it

Articoli correlati

Back to top button