Di Versi in Versi

Di Versi in Versi: “Archivio del bianco” di Stefania Onidi

Per “Di Versi in Versi” vi proponiamo la lettura di “Archivio del bianco” di Stefania Onidi, edito da Terra d'Ulivi Edizioni.

Per “Di Versi in Versi” vi proponiamo la lettura di “Archivio del bianco” di Stefania Onidi, edito da Terra d’Ulivi Edizioni.

La poesia che nasce dalla frattura

Se io mi sento fisicamente come se una parte della mia testa mi venga asportata, io so che questa è poesia”, scriveva Emily Dickinson. Ed è così che ci si sente lungo le parole, i gesti, le stanze interiori o esteriori che osserviamo nel leggere “Archivio del bianco”, di Stefania Onidi, edito da Terra d’Ulivi Edizioni.

L’autrice stessa “si dichiara” come rotta, divisa, in apertura della sua raccolta:

«Questa finestra è un silenzio

in cornice. Vi precipito

con l’ala superstite di Nike.

Mi spezzo».

Ed è un concetto che ricorre quello della rottura interiore, come da “protocollo” di tanti grandi autori della poesia, vicini o aggrappati a concetti che portano avanti come una ricorrenza che ha il compito di fare memoria:

«Ho sentito la tua lingua muoversi

tra i meati della mia carne

e il rosso laccato della mia solitudine.

Osservami venire al mondo o andare in pezzi.

Ti piaccio con le mascelle spalancata e gli occhi

chiusi».

Parole e immagini che ricorrono, la linearità della raccolta

Stefania Onidi

Non a caso Sergio Pasquandrea, nel suo commento al testo della Onidi, parla di linea narrativa, intesa come “una serie di corrispondenze, riprese, cadenze, ritornelli, rime interne, una direttrice di sviluppo che renda il volume non una semplice sequenza di testi, ma un insieme coerente”. In questo la poetessa è maestra, con parole e concetti che ritornano, creando anche sentimenti di affezione nel lettore: rottura, silenzi, coloricado mi sbuccio / il mio interno è rosso»; «Percuote il mio rosso / un vicinissimo cielo»). Le parole sono abisso, sprofondano nelle interiorità in cui ci riconosciamo. Eppure la Onidi ha mani poetiche leggere, di una delicatezza sinonimo di fragilità che non si nega al lettore:

«Cinque le dita dell’inverno

premono sul tempo vergine

domeranno il sangue

arrossiranno i fianchi all’alba».

La poesia della Onidi possiamo toccarla, perché ha saputo posarsi sui nostri occhi e sensi:

«Da piccoli quando si ama la neve non si pensa al

freddo

si educa a questo sguardo puro

sul niente».

Eppure niente è niente per davvero. Nessuna parola è disordine, o casualità. Tutto è immagine che scorre. Questa sembra dirci il bianco della Onidi, che tanto è, tranne che assenza di qualcosa, al contrario ne è definizione.

.
Mostra di più

Felicia Buonomo

Felicia Buonomo è nata a Desio (MB) nel 1980. Dopo la laurea in Economia Internazionale, nel 2007 inizia la carriera giornalistica, occupandosi principalmente di diritti umani. Nel 2011 vince il “Premio Tv per il giornalismo investigativo Roberto Morrione – Premio Ilaria Alpi”, con l’inchiesta “Mani Pulite 2.0”. Alcuni dei suoi video-reportage esteri sono stati trasmessi da Rai 3 e RaiNews24. È nella redazione di Osservatorio Diritti, testata giornalistica che si occupa esclusivamente di diritti umani. Parallelamente all'attività giornalistica, porta avanti un progetto di street poetry sotto lo pseudonimo di Fuoco Armato. Alcune sue poesie sono state pubblicate su riviste e blog letterari, quali La rosa in più, Versante Ripido, ClanDestino Rivista, Atelier poesia, Inverso, La macchina sognante, Patria Letteratura, la Repubblica di Napoli – Bottega della Poesia e altrove. Alcuni suoi versi sono apparti anche su riviste e blog letterari degli Stati Uniti, quali Our Verse Magazine, The Daily Drunk Mag e Unpublishable zine. Alcuni suoi testi poetici sono stati tradotti in spagnolo dal Centro Cultural Tina Modotti. Menzione speciale di merito all'XI Premio internazionale di poesia Don Luigi Liegro Scrive di poesia su Carteggi Letterari – critica e dintorni. Cura una rubrica dedicata alla poesia su “Book Advisor”. Pubblica il saggio “Pasolini profeta” (Mucchi Editore, 2011), il libro-reportage “I bambini spaccapietre. L'infanzia negata in Benin” (Aut Aut Edizioni, 2020) e la raccolta poetica “Cara catastrofe” (Miraggi Edizioni, 2020). Dirige la collana di poesia “Récit” per Aut Aut Edizioni.

Articoli correlati

Back to top button